Asta Giudiziaria, Vendita Online di Beni Mobili, Gruppo Istituti Vendite Giudiziarie. Aste Giudiziarie a portata di mouse. Ogni settimana nuovi lotti!
Ricerca libera

Ricerca per categoria

Ricerca comune

Prezzo (max)
Servizi
Vetrina animata
MASSA MARTANA (PG) VIA CAVOUR SN..
36.000,00
MASSA MARTANA (PG) VIA CAVOUR SNC LOTTO 2
DERUTA (PG) VIA DELLA TECNICA N ..
232.000,00
DERUTA (PG) VIA DELLA TECNICA N 10/8 LOTTO 2
DERUTA (PG) FRAZ. SAN NICCOLO DI..
30.600,00
DERUTA (PG) FRAZ. SAN NICCOLO DI CELLE - VIA FRANCESCO COLI N. 26
TREVI (PG) FRAZ. PIGGE - VIA CHI..
113.000,00
TREVI (PG) FRAZ. PIGGE - VIA CHIESA TONDA S.N.C. LOTTO 6
GIANO DELL UMBRIA (PG) LOCALITA ..
27.000,00
GIANO DELL UMBRIA (PG) LOCALITA  MONTECCHIO N. 119
CERRETO DI SPOLETO (PG) VIA CERR..
44.000,00
CERRETO DI SPOLETO (PG) VIA CERRETANA 52 - LOCALITA BORGO CERRETO LOTTO B
Tipo VENDITA SENZA INCANTO
Ente TRIBUNALE DI SPOLETO
RGE N. 2290/2018
Cauzione 0
data di vendita 26/11/2021 - 09:30
scad. raccolta offerte 25/11/2021 - 12:00
Prezzo base 21.000,00
MARSCIANO (PG) LOC. MERCATELLO - PIAZZA FRATELLI CECI N. 8 LOTTO 5

Il termine turris viene utilizzato dalle fonti documentarie per indicare tanto la torre di cortina o quella isolata quanto la casa di campagna in pietra o il piccolo fortilizio. La torre, situata nel centro dell’abitato di Mercatello nel Comune di Marsciano in Piazza Fratelli Ceci n. 8, consta di n.4 piani, con solai in legno ed ingressi a diverse altezze. Nota anche come casa forte, in quanto autosufficiente dal punto di vista difensivo, la torre pianta quadrata è l’organismo architettonico per antonomasia dell’alto Medioevo e, per questo, segue le diverse tradizioni costruttive locali. Le sue dimensioni, soprattutto se paragonate a quelle delle torri edificate nei secoli successivi, risultano piuttosto ridotte e pari, mediamente, a circa quattro metri per quattro in pianta e sei-sette metri in altezza. Quando il piano terra viene utilizzato come cisterna d’acqua, particolarmente curato è il sistema di adduzione e di emissione dell’acqua stessa, utilizzato, ove possibile, per mettere in movimento una vicina mola. Ai piani superiori, invece, la costruzione è arricchita con strutture aggettanti rispetto al filo murario e coperture provvisorie in legno che rendono attuabili azioni difesa piombante.
Pur non escludendo la funzione residenziale, a partire dal XII secolo le mutate esigenze della difesa inducono trasformazioni sempre più vistose nella tipologia della torre a pianta quadrata e tali sa limitare la sua diffusione, insieme a quella della torre a pianta rettangolare, agli avamposti militari destinati ad ospitare una sola guarnigione. Infatti la sua configurazione morfologica lascia verso l’esterno una porzione piuttosto ampia di terreno preclusa al tiro dei difensori (il cosiddetto angolo morto), nella quale l’aggressore deve temere solo le offese che provenivano dall’alto delle mura, per cui nel XV secolo si assiste alla completa sostituzione, nelle strutture difensive, delle torri a pianta quadrata con quelle a pianta circolare. La torre a pianta quadrata, simbolo della cultura e della società medievale, presenta solitamente pianta con lato di lunghezza variabile dai quattro agli otto metri e spessore compreso fra gli ottanta centimetri ed i due metri e prospetti compatti di altezza proporzionale alla base (dai dodici ai trentacinque metri circa); orizzontamenti interni consistenti, al piano terra e all’ultimo piano, rispettivamente in volte a botte e volte a crociera e, ai livelli intermedi, in solai lignei; apparecchi murari, infine, realizzati con blocchi lapidei di varia natura e dimensione, solitamente edificati con scarso impiego di malta. A livello del piano di campagna una cisterna raccoglie l’acqua piovana; alcuni metri più in alto, per motivi di sicurezza, è ricavato l’unico ingresso, raggiungibile solo mediante una scala di legno che può essere facilmente ritirata al suo interno in caso di necessità, mentre lungo tutto il perimetro si aprono strette feritoie e balestriere ai livelli inferiori e, al contrario, più ampie finestre strombatenei tratti centrali e sommitali dell’alzato. Le facciate sono alquanto simili, in quanto rispondenti ad un’organizzazione rigorosamente simmetrica che trova giustificazione tanto nelle esigenze militari quanto in quelle statiche ed impone la realizzazione di una struttura il più possibile equilibrata nella distribuzione dei carichi e nel posizionamento delle bucature sia in pianta che in alzato. Elementi introdotti per intensificare la difesa possono essere: l’attacco a terra a scarpa e l’ampia distribuzione di “buche pontate” (nelle quali incastrare le testate delle travi di lego per realizzare quelle strutture oggi note come “ponteggi”) in posizione evidente, ma la costruzione è in grado di difendersi già con la sua mole, i suoi spessori, la sua robustezza, tanto che, eccetto pochi esempi, non si riscontra neanche la presenza di merlature, necessarie in futuro, ma pressoché inutili al momento, in quanto nessuna gittata, dal basso, riesce ancora a raggiungere l’altezza del difensore, peraltro ben riparato dalla copertura. Alla struttura, attualmente in stato di non utilizzo, è stata rifatta la copertura negli anni ’70. Negli ultimi anni la torre, è stata utilizzata come rimessaggio attrezzi e magazzino dalla Società proprietaria. L’immobile rappresenta uno dei pochi manufatti storici presenti nell’abitato di Mercatello che dovrebbe essere preservato e tutelato, forse anche con l’aiuto degli enti pubblici.


LIQUIDATORE: DOTT. ROBERTO ROSSI (Tel. 0743/221514).
GIUDICE DELEGATO: DOTT.SSA SARA TRABALZA.


PRENOTAZIONE VISITE A MEZZO EMAIL: fallimenti@ivgumbria.eu
PER INFO 075/5913525


LOTTO 5


Presso la sede della sala aste telematiche di Spoleto Via XXV Aprile 52 (PG)

Documento Allegato FOTO
Documento Allegato ALLEGATO
Documento Allegato ALLEGATO 1
Documento Allegato FOTO 1
Documento Allegato PLANIMETRIA
Documento Allegato ALLEGATO 2
Documento Allegato AVVISO DI VENDITA
Documento Allegato PERIZIA
Documento Allegato PERIZIA 1
Documento Allegato PERIZIA 2
Documento Allegato PERIZIA 3
Documento Allegato ORDINANZA

REGOLE DI CONDOTTA DEGLI ACQUIRENTI

Banner
Comunicati
Per informazioni e contatti: 075/5913525 - www.ivgumbria.it
Assist. informatica:
Mail: info@sispo.it

News
Sispo - Ricco Giuseppe & C. S.p.a. Via Adamo Biagini, 5 - P.IVA 00198770547 - Tel. 075 5913525
Per informazioni: info@sispo.it
Iscrizione al ROC del 16/09/2016 al n. 26723